Lunedì, 21 Ottobre 2013 09:42

Copia di La nuova moda del social reading

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

libri

ll libro è morto viva il libro, si potrebbe dire applicando a quello straordinario manufatto il motto che si usa quando un re di Inghilterra scompare. Se Amazon, la libreria virtuale creata da Jeff Bezos, vende da due anni più libri elettronici che libri di carta, d'altro

lato in varie parti del mondo (Italia compresa) si segnala una gran fioritura di iniziative che sembrano piuttosto celebrare le virtù del

buon vecchio libro di carta.

 

Nascono infatti in tutt'Europa salotti letterari, circoli di lettori, festival in piazza e in teatro, nei quali in fondo si parla sempre di libri, proprio di quelli di carta. In parte si tratta di luoghi vintage creati nell'Ottocento, quando il libro andava portato verso un popolo incerto per cultura e per capacità alfabetiche. C'è il Circolo dei Lettori di Torino, che ha storia, ma per lo più si tratta di siti moderni, all'altezza dei tempi, in cui il libro coabita con altri media e perfino con generi d'altro tipo (come le cose da mangiare), riunendo così tre funzioni che, escluse in pubblico, in privato si praticano normalmente insieme: leggere, bere e mangiare. Inventata quarant'anni fa nella libreria Atticus a New Haven (sede dell'università Yale), questa formula s'è imposta ovunque, per esempio nel sorprendente complesso Ambasciatori a Bologna. Si aggiungano le tante librerie che in tutto il paese funzionano anche come luogo di discussione e i caffè letterari (con questo nome ne esistono già a Roma e a Milano) in cui l'happy hour serve anche per parlare di libri o per comprarli.

Ma nello stesso tempo, un fenomeno parallelo, si diffonde in Rete. È il social reading. Club del libro sul web, comunità di lettori, non virtuali, che s'incontrano online e discutono. Tra i più celebri GoodReads e Bookclubresource. com dove ci si iscrive per aree tematiche e interessi.

In più c'è l'e-book che con le sue funzioni permette di condividere i commenti con i lettori precedenti, creando un "network di glosse". E allora che sta succedendo nella partita tra il libro di carta e quello digitale? Chi è in vantaggio? E le drastiche differenze tra l'uno e l'altro, dove sono andate a finire? Per rispondere è utile richiamarne alcune. Il libro di carta, come tutti gli oggetti che hanno a che fare col conoscere, impone determinati comportamenti e definisce un ambiente. Sta perfettamente in mano, si manipola senza sforzo (si apre, si chiude, si può strappare, vi si incollano frammenti, si fanno orecchie alle pagine...), si copia e si annota; permette di calcolare quanto manca alla fine e di spostarsi in un lampo da un punto all'altro; ospita quel che si vuole (dediche, disegni, poesie, cartoline, fiori secchi, biglietti, fotografie, soldi ...); si lascia mostrare, prestare, regalare, collezionare e affiancare ai suoi compagni sugli scaffali... Inoltre, pur essendo destinato anzitutto alla lettura solitaria, stimola pratiche di altro segno: può esser letto in compagnia, commentato tra più persone, scambiato, sottolineato (a matita, ma anche con altri mezzi, rossetti inclusi), fotocopiato e prestato. Insomma il libro mescola, con un'ambiguità esaltante, il massimo di isolamento col massimo di socialità.

Letto 1671 volte Ultima modifica il Lunedì, 21 Ottobre 2013 09:56
Martina

Tennista

chi è Online

Abbiamo 83 visitatori e nessun utente online

« Gennaio 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Invito alla lettura

 

LE INTERVISTE

  • 1
  • 2
  • 3
Precedente successivo

In parata per ricordare Simoncelli

18-10-2013

In parata per ricordare Simoncelli

VALENCIA - Un lungo serpentone di moto in omaggio a Marco Simoncelli. E' il tributo dei piloti del Motomondiale al pilota di Coriano, che ha perso la vita a 24...

leggi tutto

Moto2, Pirro 1° nel nome del Sic

18-10-2013

Moto2, Pirro 1° nel nome del Sic

Pirro, nel nome del sic — Nella Moto2 vince Michele Pirro, che sceglie il giorno più simbolico possibile per centrare il suo primo successo in carriera. Il pilota pugliese, infatti,...

leggi tutto

Montezemolo conferma i piloti Alonso e M…

18-10-2013

Montezemolo conferma i piloti Alonso e Massa anche nel 2012

SCARPERIA (FIRENZE) - Fernando Alonso e Felipe Massa saranno i piloti della Ferrari anche per il 2012. Lo hanno annunciato il presidente Luca di Montezemolo ed il 'team principal', Stefano...

leggi tutto

Rossi: "Pari con il Sic, è bello…

18-10-2013

Rossi: "Pari con il Sic, è bello"

Rossi — Deluso Valentino Rossi, tirato giù alla prima curva, che sfoggia a fine gara la maglietta commemorativa per Simoncelli. "Volevo metterla nel giro di onore, ma purtroppo non ci...

leggi tutto

Briatore incorona Vettel "Dominerà …

18-10-2013

Briatore incorona Vettel "Dominerà anche nel 2012"

"Chi ferma Vettel? Ormai non essendoci neanche più competizione con Webber è diventato noioso. Lui riesce a fare funzionare le gomme in modo incredibile e Marc no. Finisse questo campionato...

leggi tutto

F.1, gli Usa raddoppiano GP nel New Jers…

18-10-2013

F.1, gli Usa raddoppiano GP nel New Jersey nel 2013

La F.1 è pronta a tornare in grande stile negli Usa con ben due GP. Oltre al già programmato GP a Austin, in Texas, nel 2012, è di oggi la...

leggi tutto

Cassano lascia l'ospedale dopo l'operazi…

18-10-2013

Cassano lascia l'ospedale dopo l'operazione riuscita

L'attaccante barese, operato venerdì al cuore, è stato dimesso. Regolare il decorso post intervento. Il giocatore dovrà osservare un periodo di riposo di 4-6 mesi nei quali verrà regolarmente sottoposto...

leggi tutto

Barça impantanato a Bilbao Messi evita i…

18-10-2013

Barça impantanato a Bilbao Messi evita il k.o. al 91'

A Bilbao, nonostante un diluvio ininterrotto da due giorni si scende in campo e viene fuori una partita divertentissima: Athletic e Barcellona pareggiano 2-2 e a godere è soprattutto il...

leggi tutto

Prandelli, novità Abate Ripescati Matri …

18-10-2013

Prandelli, novità Abate Ripescati Matri e Pepe

Senza Cassano e Rossi, fuori causa da 4 a 6 mesi, Prandelli è costretto a reinventarsi l'attacco della Nazionale nelle sfide che chiuderanno il 2011 degli azzurri, le amichevoli con...

leggi tutto